Da Forca di Presta a Castelluccio

  • 24-06-2018

Descrizione escursione:

La giornata odierna è stata qualcosa di magico, dove abbiamo ammirato uno dei posti più spettacolari di tutta la catena dei Monti Sibillini. La bellissima e aerea cresta del Redentore, nonché la più alta di tutto il gruppo, offre scenari unici dove perdersi nella meraviglia è questione di pochi istanti. Tecnicamente si parte dal valico di Forca di Presta (1536 Mt) e si sale per la nota via che porta al Rifugio Tito Zilioli (2224 Mt) da dove, dopo una breve sosta, ci siamo diretti verso la più affilata cresta di tutto il panorama dei montuoso.
Da lì si continua la lunga via che attraversa da prima Cima di Prato Pulito (2273 Mt), poi successivamente tocca i ben noti rilievi di Cima del Lago (2422 Mt), con squarci sul lago di Pilato a dir poco sbalorditivi, Cima del Redentore (2448 Mt), Cima dell’Osservatorio (2350 Mt) e infine Quarto San Lorenzo (2247 Mt). Oltre a tali vette che intersecano tutta la cresta, abbiamo, con un rapido traverso, raggiunto il punto più estremo in assoluto, toccando per un attimo il Pizzo del Diavolo (2410 Mt). Tornando indietro abbiamo iniziato la discesa prendendo la strada che interseca prima Forca Viola (1936 Mt) e poi il sentiero E17 arrivando fino al parcheggio di Capanna Ghezzi nei pressi di Castelluccio dove si concluderà la travesata.

Traversata Forca di Presta-Castelluccio (Earth).png
Traversata Forca di Presta – Castelluccio

Traversata Forca di Presta-Castelluccio.png

Dati escursione:

  • Lunghezza complessiva: Km 16
  • Tempo di percorrenza: 7 ore
  • Quota partenza: Mt 1536
  • Quota Arrivo: Mt 1320
  • Grado escursione: EE
  • Dislivello Complessivo Salita: Mt 1066
  • Dislivello Complessivo Discesa: Mt 1292
  • Previsione meteo: Ottime come condizione meteo, ma vento forte fin dall’inizio, con picchi di elevata intensità da Cima di Prato Pulito fino a Cima del Redentore.

Foto

Logo PNG