Anello Cima Cannafusto

  • 17-10-2020

Descrizione escursione:

Montagne nascoste o forse che si nascondono, di certo solo poco frequentate, perché lontane dagli standard mediatici. Oggigiorno si cerca sempre più il blasone delle alte cime e si perdono i veri valori dello spirito montano. Ma come dicevano i vecchi di un tempo… “dentro la botte piccola c’è sempre il vino buono”! Noi oggi abbiamo cercato proprio quella piccola botte che ci ha regalato un nettare veramente invidiabile. Cima Cannafusto è una vetta leggermente sotto i duemila metri (1974), ma che offre scenari unici e panorami splendidi dove perdersi con lo sguardo è un piacere ineguagliabile. Tecnicamente la parte finale di cresta offre anche spettacolarità e percorsa d’inverno inoltrato richiede la giusta dose di attenzione e la dovuta attrezzatura. Partiti di buon ora dalla poco conosciuta Fonte San Lorenzo Mt. 1466 s.l.m. con un clima classico autunnale, abbiamo risalito il crinale in direzione NE in maniera libera senza seguire una linea ben precisa. Qui, guadagnando quota, abbiamo finalmente intercettato il sentiero che ci ha condotti in cresta sull’inciso di Vallelunga. Salendo lo scenario cambia passo dopo passo e il leggero manto nevoso caduto nei giorni precedenti ci ricopre appieno la parte inferiore dei nostri scarponi. Lo spettacolo è sublime e il riverbero dei primi raggi solari offre una collezione di colori che rendono il paesaggio quasi da fiaba. Il sole finalmente è a toccarci il volto e con un po’ di calore in corpo proseguiamo più rapidamente. Arrivati all’altezza di Cima Vallinfante Mt 2113 s.l.m. la via, in maniera libera, prosegue verso Nord per andare a toccare Cima Cannafusto. Questa zona del parco mostra la vera essenza della libertà della montagna dove immergersi è solo un piacere. Di fronte si ergono in pieno le cime del Pizzo Berro e il Monte Priora, con la alta Val Tenna e il valico di Passo Cattivo sotto. La cresta di questa cima divide pienamente la Valle Lunga dalla meno nota valle Orteccia. Qui entrambi le valli sono maggiormente frequentate nei periodi invernali perché offrono molte escursioni con vari itinerari scialpinistici. Da qui dopo una piccola pausa riprendiamo a camminare andando a ritrovo per la cresta già percorsa. Saliamo senza difficoltà verso la vetta di Vallinfante per ammirare ulteriormente lo squarcio verso il piccolo sottostante borgo sovrastato appunto dall’omonima cima. Scendiamo dalla vetta tramite il rapido pendio che ci riporta nel sentiero di cresta. Qui con passo deciso e senza indugiare proseguiamo verso il passo di Sasso Borghese tramite il Cai N°261. Atro forte impatto scenico nei pressi del Palazzo Borghese, coperto con un lieve manto nevoso che lo rende più dolomitico del solito. Spazi e circostanze che enfatizzano sempre più queste montagne e ci regalano ogni volta nuove emozioni stregandoci in maniera memorabile. Successivamente prendiamo il sentiero N°205/202 (Strada Imperiale) portandoci verso il Colle Albieri. Tale sentiero, coincide perfettamente con l’itinerario escursionistico del parco E17 (Da Parcheggio Capanna Ghezzi per la strada Imperiale fino a Sasso Borghese) (Da Foce a Cima di Palazzo Borghese-Cima di Vallinfante per il fosso Zappacenere), che percorre la dorsale partente da Castelluccio di Norcia fino a Foce di Montemonaco percorrendo, appunto, un tratto dell’antica strada imperiale utilizzata in passato per lo scambio di merci, importantissimo per l’economia e il commercio tra zone montuose e marittime. Da qui con facilità arriviamo a Capanna Ghezzi Mt. 1547 (antico rifugio pastorale, orami in disuso). Ora intercettando il piccolo tratto di sentiero N°5 che si addentra nel bosco, riusciamo a chiudere un anello di grande importanza e poco frequentato. Ogni volta i Sibillini, per noi montagne di casa, ci regalano emozioni anche nei luoghi meno conosciuti, che in molti dovrebbero apprezzare maggiormente perché di ugual bellezza e stupore.

Anello Cima Cannafusto

Dati escursione:

Traccia Gps tramite Wikiloc: Anello Cima Cannafusto

  • Lunghezza complessiva: Km 16.8
  • Tempo di percorrenza: 6 ore
  • Quota partenza: Mt 1440
  • Quota Arrivo: Mt 2113 (Cima Vallinfante)
  • Grado escursione: E
  • Dislivello Salita: Mt 1230
  • Dislivello Discesa: Mt 1260
  • Previsione meteo: Cielo buono con nubi sparse e in assenza di vento.

Foto

Logo PNG